fare quaccosa

L’amore è un dardo. E ti si conficca sempre lì. Sì, proprio lì.

Sul divano.

– Per me è impossibile accettare la situazione attuale! Le condizioni di lavoro peggiorano di mese in mese, di giorno in giorno. Sono tutti lì, rincoglioniti ad accettare con il sorriso ebete ogni cosa gli propinano! Non posso accettarlo! Devo fare quaccosa! –

– QuaLcosa, tesoro. Pronunciala quella elle -.

– Sì, quaLLLcosa. Tu capisci che questi vivono giocando alla playstation o imbambolati davanti agli smartphone e intanto se lo fanno mettere al culo senza rendersene conto? Lavoriamo come muli, con turni massacranti e in modo ripetitivo, meccanico, come automi. E’ ingiusto! Io voglio fare quaccosa! –

– QuaLcosa. E dimmi: cosa pensi di poter fare tu da solo, oltre a ripetere incessantemente che vuoi fare qualcosa mentre sto tentando di fare la lista delle cose che devo fare entro domani? –

– Non lo so! Per questo te lo chiedo. Secondo te cosa dovrei fare per fare quaccosa? –

– Difficile a dirsi, sai… Se magari aspetti un attimo che finisco di scrivermi tutte le cose che devo fare, ne parl … –

– Io ci parlo con i miei colleghi! Gliele spiego le cose. Che è ingiusto lavorare così -.

– E loro che ti dicono? –

– Mi danno ragione, ma poi non fanno un cazzo. E io invece penso si debba fare quaccosa

– QuaLcosa. Ok, ti danno ragione così la smetti di sfracassargli le palle, che tanto non gliene fotte una mazza di quello che dici, ormai è assodato che sono inebetiti. Però non è che queste sono domande che puoi farmi e alle quali posso risponderti così, su due…-

– E vabbè! Ma così non si va da nessuna parte! –

– Senti… Davvero davvero vuoi fare quaccosa? –

– Sì! –

Quaccosa di davvero importante, immediato? Un gesto forte? –

– Sì! –

– Perfetto! Allora aiutami a piegare le lenzuola che devo stenderle. Così almeno anche io oggi riesco a fare quaccosa, dio ca*beeeeeep!*