abbatti il catafalco!

Sberleffo apotropaico

Giorni di gelore e seccanza, manifesti pel tramite d’un mutismo alternato a sillabe roboanti.

O altrimenti detto, mi girano i cojoni tanto che anche i miei casuali vicini di marciapiedi s’abbassano le ciglia incontrandomi lo sguardo.

547c7db8a6_6191500_med

Poi incontro Martina, mentre mi bevo un caffè sul ballatoio e osservo nella corte centrale una cosa che dovrebbe essere etnica con un’indiana che danza e studenti che guardano e un signore che ogni tanto parla, ma io non riesco a sentire cosa dice.

– Aò Martì, come va? –

– Nammerda, nammerda, lasciamo stare… –

Sì, vero, meglio.

E poi dopo incontro Silvia che va di fretta di fretta di fretta e le chiedo come mai va di fretta e -va tutto bene?-

Silvia sorride. Sempre. Sorride sempre. Con le gonnellone fiorite e le collanone e il bel visino. Sorride.

– Vado di fretta perché è da stamattina che mi girano le palle, sono stranita e non vedo l’ora di andare a casa perché oggi mi stanno sul cazzo tutti -. Anche questo lo dice sorridendo.

palmimuseo0040

Comincio a sospettare che allora no, non sono solo io, no, non sono sola. No, ci sono anche Martina e Silvia. E io con loro sto bene, abbiamo un pezzo di cervello simile, quello che se ne va per i cazzi suoi in altra lingua.

E poi c’è Clelia che mi dice: – Oggi l’avvocato se ne sta da sola. Com’è? Ti isoli? Non è da te. –

E anche io sorrido, come Silvia sorrido, ma senza la gonnellona fiorita e la collanona. E manco il bel visino. No.

Lo so Clelia mia, che anche tu hai un pezzo di cervello che se ne va per i cazzi suoi in altra lingua. Hai ragione. No, non mi isolo. Sto qua, con voi.

87011697

E’ che ho bisogno d’essere apotropaica.

Devo esprimermi le espressioni apotropaiche in modo molto espressivo.

Perché c’è gente che caga il cazzo, ma tanto. Ma tanto tanto.

Può succedere ad esempio che un giorno ti compaia sul cellulare un messaggio da un numero che non conosci e che si limita a comunicarti semplicemente: – Il 22 e il 23 sono a Roma -. E tu pensi che sia un errore, poi pensi che forse può essere quello stracciapalle del regista di Messina e allora fai spallucce e te ne fotti.

Ma poi te ne arriva un altro che ti intima: – Smetti di fare la bambina -. E allora tu, come da prassi, secondo il tuo stile, rispondi: – A sapere chi cazzo sei -.

E te lo dice chi è. No, non ci avevi pensato, all'”amico” stronzo che s’è comportato male quando sapeva che eri fragile, quando sapeva che t’avevano ferita. In fondo, son passati mesi, potevi mai pensare? Dopo averlo cancellato dalla rubrica dell’esistenza, potevi mai pensare che avesse tanta faccia da culo? Perché mi dimentico sempre delle straordinarie potenzialità delle facce da culo delle persone?

– Pensavo a 10 minuti, per un caffé –

– No –

Semplice. Secco. Facile no? Non è un concetto complesso, mi pare.

E invece il 23 mattina ti squilla il telefono di casa. Quel numero di telefono che non ha nessuno a parte gli intimissimi.  Non rispondi perché il numero che ti compare sul monitor del fax non lo conosci e scatta la segreteria. E senti quella voce che registra: – Sono sotto casa tua, almeno affacciati alla finestra, ti saluto da qui –

No. E’ semplice. No.

Non ti muovi dalla scrivania.

Ma poi ti suonano al citofono.

Resti immobile alla scrivania.

Dopo un’ora accendi il cellulare.

E comincia a squillare con l’ennesimo diverso numero di telefono. Milioni di numeri di telefono diversi.

Non rispondi.

E poi nuovamente un messaggio.

– T’avrei salutato dalla finestra -.

E la foto del tuo portone. Del tuo citofono.

Allora poi ti girano le palle. Perché i cagacazzi che non accettano i no, che non accettano di non essere i signori de stocazzo, che si comportano male e poi, senza chiedere scusa, ti usano anche la violenza di procurarsi il tuo numero, di venire sotto casa a cagarti il cazzo, pensando che uno strappo possa ricucirsi così, ennò, proprio no. Ancora no. Per sempre no.

E quindi, Clelia mia, no, non mi isolo, sto con voi e cazzeggio come sempre, perché vaffanculo a me se mi perdo un istante di vita.

Ma mi faccio apotropaica. E con lo sberleffo.

A chiunque pensi di avere il diritto di ricevere sempre e solo “sì”.

view_P64_65

 

 

 

Formula rituale dell’apotropaica: “E sticazzi, e tanti cazzi, masticazzi, e sto par di cazzi, e metticelo uno sticazzi”.

La Béla Burdéla del Pamela – Capitolo 2

Lui è lì.

Sorride. Intenso. Sfrontato. Una sfida celata nell’iride boschiva.

Liscbet si sente il battito del cuore mancarle un colpo: è quello ben assestato da Raoul e dalla sua entrata al Pamela.

– E’ solo! – pensa, mentre il respiro le solleva l’insenatura tra due coppe 4C, già drammaticamente strizzate verso l’alto.

– E’ solo… -, e le labbra le si schiudono appena, lasciando morbida la linea curva della bocca.

E’ solo l’evanescenza di un pensiero fugace, quando compare alle spalle del dj un’ombra rosa fluo che gli si avvinghia a un braccio come la gramigna al chicco buono.

– Mo quela è la Vanilde! – sussurra sorpresa la Milvia che, mai per un attimo s’è scostata dall’amica, pronta a ghermirla al volo nell’ipotesi di qualche strambo e repentino colpo di testa.

Lo sguardo della Liscbet muta di colpo: dall’aura magica dello stupore al ringhio ferale, zanne snudate.

La sua voce  è quasi un rantolo: – La Vanilde? Quella chiappa secca e mossia della Vanilde? Ce le spezzo quelle braccine ossute! Che ci fa lui con quela lì? Quela il giorno va a toglier le uova dal culo delle galline, non sa neanche parlar bene il dialetto! -.

La Milvia ha già pronta la litania, la formula rituale da recitare per l’occasione: – Mo che ti importa? Tu sei la Liscbet! Tirati su la tetta, muovi la chiappa! Sei la Liscbet, la burdéla cativa! -.

Liscbet si ricompone, il volto torna impassibile, ma il sopracciglio le si alza tanto che le arriva quasi all’attaccatura del capello.

Un reciproco cenno, felini che si sfidano il territorio, uno con il sorriso sbieco, l’altra con l’occhio rapace.

E’ a quel punto che la Liscbet si volta nuovamente verso il Gionatan che è ancora lì fisso fisso fisso a guardarla. Gionatan su! Una mossetta? No?

La nostra comprende la timidezza del novello tocco di manzo e decide di adottare la “mossa del bagno”.

– Milvia, ‘ndiamo al bagno và -, senza distogliere d’un secondo lo sguardo. La Milvia, che ben conosce strategie e tattiche del Pamela, s’appropinqua alla burdéla e intanto studia a sua volta il tavolo del Gionatan.

Le giovini camminano come le Kessler con passo perfettamente coordinato, ondeggiando qualsiasi cosa si possa ondeggiare, bicchieri in mano. Per andare al bagno bisogna necessariamente passare di fianco al tavolo cui siede il Gionatan con l’allegra combriccola maschia.

Ed è proprio nel punto in cui la Liscbet sa d’essere alla giusta distanza, con la giusta luce, la giusta prospettiva, che spara addosso all’occhio fisso del Gionatan tutto il grifagno del mondo e poi -tac! – nell’istante perfetto, avvicina il bicchiere alla bocca che diventa un perfetto cuoricino che circonda la cannuccia per una rapida succhiatina.

Due secondi, forse tre, durante i quali avviene un monologo muto. – Mo cosa fai lì? Vieni qui, vieni a prendermi, non lo vedi che son tua? Non ti piace tutta questa robina qui? Guarda che labbra morbide… -.

Milvia e Liscbet attendono in bagno il tempo adeguato affinché il manzo sia bello arrostito in superficie, ma sanguigno all’interno, poi escono nuovamente verso la sala.

Pochi passi e il Gionatan, magliettina tarra nera e jeans a vita bassa,  si alza e si piazza al momento giusto sulla traiettoria della Liscbet, che, a quel punto, potrà scegliere se circumnavigarlo indifferente o fermarsi esattamente di fronte a lui. Nella seconda ipotesi, come da manuale, la Milvia si dovrebbe scollare dalla gemella e proseguire verso il bancone, dove, sempre secondo regolamento del Pamela, un altro ragazzotto del gruppo provvederà a intrattenerla affinché non si senta sola….

Si ferma. Sono uno di fronte all’altra. Il Gionatan finalmente sorride alla sua griglia. – Ciao, scei beliscima, come ti chiami? –

Tocca a Liscbet. Via tutto il grifagno! E’ il momento della cerbiatta, della gazzella, della ninfa cedevole. – Liscbet e tu? -. Piega anche appena appena di lato la testa per mostrare meglio lo sguardo “Sono dolce e maliziosa allo stesso tempo”.

– Gionatan. Ti va di balare? –

Una polka frizzantina ha agitato già gli animi degli avventori del Pamela. – Baliamo! –

Mother è al bancone e parla con Alieto, il barista discreto. Entrambi guardano la burdéla gettarsi in pista.

Gionatan le cinge il fianco sinuoso, Liscbet palpa leggera il bicipite sostanzioso.

Quand’ecco che, tra il volteggiare a passetti delle coppie, tra le luci strobo della sala, Liscbet scorge Raoul con la smandruppona della serata. Ballano, lui le parla e sorride. Lei ride con scoppiettii a singulti.

Liscbet conosce alla perfezione l’epilogo di quel parlare per sorrisi.  Tenta di condurre il suo partner in altro punto della pista: non vuole vedere, non vuole sapere. Ma, come per un maleficio, se li ritrova sempre accanto. Anzi, adesso le due coppie ballano affiancate. Si irrigidisce, ma non desidera che Gionatan se ne possa accorgere e sorride comunque.

E’ un attimo. Il braccio di Raoul sfiora quello di Liscbet, a più riprese. E’ una vicinanza lieve, un incontro di brividi sulla pelle. Ma a Liscbet è sufficiente per sentirsi avvampare. Sente il suo odore, il suo calore. Così vicino. Guarda, solo con la coda dell’occhio, e lo scopre: Raoul le lancia rapide frecciatine di sguardi. Lo sta facendo apposta! E si diverte!

E’ troppo! Per Liscbet è davvero troppo! Le monta la carogna, pronta a divampare in un lampo. Ma è mentre Gionatan la fa volteggiare, che scorge in lontananza lo sguardo di Mother: il sopracciglio è impennato. E, di fianco a lei, Alieto ridacchia con aria canzonatoria.

E’ così che Liscbet torna con la mira sul suo muscolo ruspante e decide.

Sguardo svenevole, svenevolissimo.

– Gionatan, mi manca un po’ l’aria qui dentro. Forse è solo stanchezza… forse sarebbe meglio andare a casa – sguardo sguincio dal basso – ma non so se ce la faccio a piedi, non voglio rovinare la serata alla Milvia e la macchina serva a Marla e alora non so proprio cosa fare…-

– Mo ti porto io! Ho la macchina qui davanti! Ti porto a casa subito! –

– Davvero? Oh,ma… forse vuoi restare con i tuoi amici? –

Gionatan le perfora le pupille con significativa e maschia sicurezza: – Mo ti pare che nel deserto io lassio morire l’unico fiore? Spettami che vado ad avvertirli e poi ci penso io a te… –

Corre dagli amici: – Oh Ianes, dammi le chiavi della tua macchina. Te la riporto domani mattina! –

Timido sì, ma romagnolo ruspante, mica moschio!

Poco prima di avvicinarsi all’uscita, Liscbet avverte Mother con un cenno d’intesa: Marla sorride appena appena. E’ ok.

Poi si volta, è più forte di lei, e si volta a guardare Raoul: anche lui la sta guardando mentre si allontana con Gionatan.

E non sembra sorridere come prima.

Previously on “Più Balere Per Tutti”:

La Béla Burdéla del Pamela – Chapter One

Raoul, il dj migliore della Romagna