La maGGia del cinema

L’assistente alla regia.

Va dalla cagna protagonista che, risultando assolutamente fuori luogo, indossa un volto perennemente drammatico perché “si sta concentrando”, anche se deve dire due battute in croce, ma è tanto amica del regista. E la rassicura, le dice che è bravissima, diomio che talento e che bellezza! E nel contempo, va dalle vere brave attrici, che, siccome non sono amiche del regista (che è frocio, quindi no, nemmeno si tromba la protagonista), hanno una particina marginale marginale come l’angolo del battiscopa dietro un armadio e dice loro, con un sorriso entusiasta, che però sicuramente avranno un primo piano tra le inquadrature. Vergognandosi come una che ruba al barbone sotto casa du spicci dalla scatola di cartone.

Va dal regista che si muove come la Fracci tra le attrezzature e, guardando in macchina dopo che tutti hanno preparato tutto, dice: “Ok!”. E gli chiede che cazzo bisogna fare, qual è la prossima inquadratura, qual è il campo, cercando un piano di lavorazione della giornata che, tanto, verrà immancabilmente modificato dal regista a seconda dell’estro (o del mestruo), per poi riferire a tutti i macchinisti, operatori, elettricisti, attori, cazzi e mazzi, inventando e creando sul momento una qualsiasi cosa. Sperando di azzeccare il mestruo artistico direttoriale.

Va dai macchinisti, operatori, elettricisti, attori, cazzi e mazzi, urlando cose qualsiasi, anche solo di spostarsi da qui a là, al fine di far sembrare il set un luogo in cui tutti lavorano e non stanno a grattarsi le palle.

Va dal direttore della fotografia, che è sempre bono, e con la voce flautata chiede quanto tempo ci vuole perché tutto sia pronto per comunicare agli altri quando prepararsi in posizione. Il direttore della fotografia, fico come una notte d’estate in braccio alle stelle sul culo della luna, risponderà immancabilmente: “15 minuti”. E non dirà mai più una parola.

Trova uno schiavo qualsiasi che vada a procacciare il cibo per tutta la troupe, raggranellando soldi elargiti dalla produzione q.b. per foraggiare una formica in tempi di carestia.

Trova uno schiavo qualsiasi che corra a comprare una gelatina “magenta 102” con lo scooter dall’altra parte della città, perché il direttore della fotografia, bello come una spiaggia di un atollo oceanico deserta ma con tutti i comfort del caso, ritiene che il “magenta 101” non corrisponda esattamente alla propria idea.

Trova uno schiavo che per due ore regga il lupo in posizione obliqua a mezz’aria perché non c’è un adeguato reggilupodelcazzo che lo tenga esattamente in quel punto con quella inclinazione, mentre il direttore della fotografia, bello come un cedro del Libano in controluce in un tramonto desertico, muove di un millimetro alla volta la bandiera, perché c’è un pelino d’ombra che non corrisponde precisamente al pelino d’ombra che aveva in mente.

Dopo, trova un altro schiavo che regga il lupo per altre due ore, in sostituzione del precedente, ormai defunto o quantomeno con una paresi irreversibile nella metà superiore del corpo.

Alla bisogna prepara i caffè per tutto l’universo, anzi, se tu che leggi vuoi un caffè, passa pure, tanto ne sto facendo giusto 1387, che vuoi che sia farne 1388?

Ma deve anche reperire del te verde per la segretaria d’edizione sciroccata, che è vegana, anche se dice che se c’è qualcosa di alcolico va bene lo stesso e intanto racconta che per un mese s’è accompagnata sessualmente a una e che poi l’ha mollata perché questa mangiava solo frutta eccessivamente matura. E quindi ora tromba con il ciakkista. Ma trombano solo eh! Mica stanno insieme. Del resto fra un mese deve andare a Tallinn perché ha conosciuto un estone per girare un documentario e spera di fare in tempo prima di andare a Oslo. A quel punto le molla due sberle e qualche insulto.

Poi va dal ciakkista e gli urla che se anche si tromba quella demente della segretaria d’edizione, ha comunque un cervello adeguato per capire che, quando si grida: “Ai posti!”, lui deve stare davanti alla macchina. Non di lato. Non accanto. Non dietro. Davanti. Non è difficile, cazzo, dai!

Poi va dalla tecnicA del suono che vive con il boom attaccato addosso, anzi, al posto del braccio ormai ha direttamente un boom, e, dopo essersi assicurata che indossi le cuffie e il tascam sia acceso, le urla qualcosa nel microfonone facendola saltare. Scappando poi via, sogghignando come Cattivik.

Poi va dal gruppo attori e gente varia con le palle sfrante, ammucchiata tutta in un angolo, ormai consunta e fusa tutta assieme in un grande cero spento, e attacca il pippotto motivazionale entusiastico, sostenendo che è grazie al loro lavoro che questo progetto potrà funzionare, che il loro lavoro è essenziale, che il successo di questo progetto avrà inevitabilmente delle straordinarie ripercussioni su ciascuno di loro. Ottenendo ogni volta che l’enorme cero di sfranti si accenda. Seppure sempre più flebile rispetto alla volta precedente.

Ha fatto un corso speciale di 3 mesi presso la Guardia di Finanza per ottenere l’olfatto di un cane antidroga e scovare negli angoli più remoti del set gente varia intenta in azioni illecite potenzialmente dannose per la lavorazione. Poi a mani nude frantuma la boccetta di vetro della segretaria d’edizione sciroccata, contenente un qualsiasi alcolico che ella sostiene essere “gocce omeopatiche”.

Torna dal ciakkista che, dopo 175 ciak ha finalmente capito che deve stare davanti la macchina, ma non ha ancora capito che poi, quando quello che sta dietro la macchina e che si chiama regista urla: “Azione!”, se ne deve andare via di corsa dal campo e non rimanere lì nei pressi lasciando nell’inquadratura un piede, un gomito o l’angolo del ciak. E gli suggerisce, altresì, che forse, smettendo di frequentare quella sciroccata della segretaria d’edizione, nel breve tempo di altri 200 ciak, sarà in grado di non mandare a puttane un ciak a causa del ciak.

E, a un certo punto, dovrà andare a cercare il regista, perché quando saranno tutti pronti per una delle 308564 inquadrature inutili, si udrà un: “Dov’è il regista?”. E lo troverà seminascosto in penombra in un angolo di uno dei balconi, intento a fumare una sigaretta e a fissare il vuoto e gli domanderà: “Reggì, che minchia fai qui?” e quando egli risponderà: “Sto pensando…” continuando a fissare il vuoto, stringerà i denti e, invece di urlare insulti di varia natura, con aria adorante di disprezzo, si limiterà a un: “Stiamo tutti aspettando te”.

20 comments

      1. Non ho chiesto “tu chi sei”? ma ho messo una E davanti e rende tutto meno generico ma molto personale….anche se già mi sino preso un fatti cazzi tuoi ma sai la curiosià non è solo femminile..

      2. Mi piace la curiosità.
        Spesso si confonde la curiosità aperta, quella che domanda, con la morbosità invadente dello spione nascosto.

        E io chi sono? Resta sempre una domanda cui non so rispondere. Istintivamente, la prima risposta che mi verrebbe, se fossimo di persona, sarebbe: “Una Tizia come altre”.

      3. E se fossimo di persona forse ci crederei ma leggerti mi fa dire che ti sbagli e la curiosità mi è iniziata nel momento in cui sei riuscita a “carpire” la mia non lagna e da quel giorno anche io utilizzo la tua frase… è fondamentale per me cercare di assestarmi nel mezzo.
        Cazzo maledetti cicli…. ma son giorni che vedo luce anche tra la pioggia che puntualmente becco in scooter.

      4. Allora mi sa che abbiamo i cicli coordinati. Tendenzialmente per me questo è il periodo migliore dell’anno.

        Assestarsi nel mezzo è l’unico modo per vivere oltre il sopravvivere. Un po’ come prendersi in giro da soli o venirsi a noia da soli. Complicato in alcuni momenti, ma tentando di ricordarlo costantemente, ci si può riuscire.

        So distinguere perfettamente le lagne dalla profondità. La seconda sa ridere, le prime no.

      5. Ottobre che sa di magia, deserti, cicli, l’ego da tenere a bada, non sono solo cavolo e poi le risate, beh forse te ne fai una, e pensavo… ma che figa è sta Lisbeth così nera col piercing e i capelli corti,,,, non sapevo mica l’esistenza dell’attrice!!!!! Lo so a volte vivo fuori dalla realtà.. che ci posso fare.

      6. E non sei felice? Non so che darei per vivere fuori dalla realtà…

        Sì, è un disegnetto dell’attrice protagonista del secondo adattamento tratto dal romanzo. In verità io preferisco decisamente il primo adattamento.

      7. Il romanzo… Uomini che odiano le donne…e mi blocco, mi fermo, respiro e lo dico, si le odio o forse le ho odiate e cerco di redimermi attraverso amicizie femminile, sto scoprendo un mondo, mai capito fino ad oggi, oddio sto parlando di me nel tuo spazio, cazzo frenami.
        Parlami di te.

      8. Credo di averti già scritto che preferisco leggere piuttosto che essere letta.
        Io mi conosco, so cosa penso, conosco la mia vita… per me è decisamente più interessante il resto. Altrimenti mi annoio.

        E quindi: parla pure di te qui. Quanto vuoi. Vorrà dire che qualcosa che ho scritto ti ha suscitato pensieri, idee, ricordi. Quale migliore lusinga per me?

        Davvero pensi di aver odiato le donne o di odiarle? Ne ho conosciuti di uomini che davvero odiano le donne, non so, non sembreresti…

      9. Mi fai riflettere, diciamo che non hai avuto nessun timore a dirmi che…pillole magiche aiutano equilibri squilibrati e quindi mi sento in dovere di ricambiare questa fiducia, sai c’è ancora chi cerca di dirmi che sono normale, cazzo certo che sono normale c’è bisogno di dirlo?
        E poi pensieri, a volte fatico a stare dietro alle tue frasi sconnesse(non rompere si parla pure di te) ma capisco il senso e mi piacciono i discorsi insensati che nascondono un mondo di emozioni e si hai evocato ricordi in un passaggio che solo rileggendo ho capito e certe similitudini fanno male ma allo stesso tempo danno il senso di appartenenza a qualcosa che oggi purtroppo si è perso. Girovagare con la macchina anni fa era l’unico svago e che bello leggere quell’articolo che cazzo ti toglie il respiro se entri per un attimo in quel mood.
        E poi vado spronato, sprofondato negli ultimi giorni di una merda che galleggiava sul mio corpo hai trovato le parole giuste per farmi scrivere un paio di cose e ho capito che si mettono punti e si va a capo senza smettere di scrivere emozioni.
        E no, le donne non le odio, mi fanno solo incazzare ma le adoro, ma questa è un’altra storia….

      10. Perché avrei dovuto avere timore? Ti dicono che sei normale? Cioè, sarebbe un modo per rassicurarti? Mi fa un po’ sorridere…

        Viviamo nella stessa città e abbiamo la stessa età, forse abbiamo frequentato luoghi comuni, oppure no. Sicuramente però abbiamo percorso gli stessi pezzi di strade in macchina, illuminati con le stesse luci. Abbiamo avuto la stessa aria addosso. Credo sia naturale una somiglianza di percezioni e ricordi, abbinata a una somiglianza di ciclicità. Mi ricordo una Roma notturna vuota, desolata in certi orari. I bar aperti tutta la notte in alcune vie, nelle quali passavo più frequentemente e in cui mi fermavo, a ridosso dell’alba ancora nascosta dal buio, a prendermi un caffé. Spesso da sola. Perché mi piaceva da morire “tagliare” Roma da sola di notte. Girovagare in macchina non era solo l’unico svago: è che non c’era bisogno d’altro, era bello già così.

      11. E sai che io vorrei leggere questo, di quei bar, dei caffè prima di dormire all’alba mentre altri versano l’ennesimo amaro o campari e gin con occhi incollati su slot machine. Fallo io aspetto e se mi ripeti che preferisci leggere ti dico che mica esisti solo tu..egocentrica del cazzo. Il mio ciclo attuale è…scrutare all’orizzonte.

      12. Davvero? Devo scrutarmi nei ricordi. Io tendo a dimenticare.
        Poi se attacco con i racconti di ricordi, divento un po’ prolissa nella scrittura, mi perdo nei dettagli, mi lascio cullare da certe emozioni e alla fine, rileggendomi, mi annoio a morte.
        Ma se ti fa piacere mi scovo il passato e un po’ te lo racconto. Lo confesso: mi sono tanto divertita nella vita. Tanto. Con la frenesia di berla tutta d’un sorso e l’ombra costante della consapevolezza della sua breve durata.

      13. Già sei prolissa, scova e scova ancora e forse questo ci distingue, mai pensato ad una breve durata ma sempre bevuto tutto d’un fiato per poter ricominciare e provare cose nuove.
        E mi sa che mi leggi.
        Tra poco….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...